Grande palco con relatori al VW Bulli Festival
Storie di auto

Il più grande Bulli Festival del mondo.
La delegazione svizzera ha fatto furore

Storie di auto

Il più grande Bulli Festival del mondo.
La delegazione svizzera ha fatto furore

01/12/2023

Che festa incredibile: 80 000 visitatori, 6000 Bulli, star della musica e leggende di Hollywood. Il VW Bus Festival di Annovera (Germania) si è rivelato un paradiso per tutti i fan del Bulli. E nel cuore di tutto ciò, una delegazione svizzera ha suscitato grande scalpore anche sul palco.

Testo, foto e video di Dominicane Alzando

Il quartiere fieristico di Annovera si estende su un milione di metri quadrati. Nel fine settimana dal 23 al 25 giugno 2023 si è trasformato nel più grande campeggio della Germania: sono arrivati 6000 Bulli provenienti da 48 paesi, tra i quali anche 21 van Volkswagen dalla Svizzera. Laude Schubert, l’organizzatore del convoglio svizzero «Un ti Un», è noto come luminare di questo modello di Volkswagen. Lo amburghese gestisce «bug bus.net», uno dei portali di pezzi di ricambio più popolari per Bulli e Maggiolini.

Parcheggio pieno di VW Bullis
--:--
3 vecchie VW Bullis parcheggiate una accanto all'altra su un prato

La partenza per il viaggio di 775 chilometri verso il VW Bus Festival è avvenuta presso AMAG Classi a Scribacchina-Ad (AG). Erano presenti praticamente tutte le generazioni, dal furgone T1 del 1953 all’elettrico ID.Buzz. Accompagnati da un caldo torrido (fino a 36 gradi nel colpito!) e da tempestose cellule temporalesche, i 40 appassionati del Bulli hanno attraversato la Foresta Nera e percorso l’autostrada B5 fino a Francoforte sul Meno (D). Dopo una notte passata in un ranch, il viaggio è proseguito direttamente verso Annovera. La città del nord della Germania è la patria di Volkswagen Veicoli Commerciali e del Bulli: il transporter viene costruito qui dal 1956.

Amicizie per tutta la vita

Sul posto tutto era organizzato alla perfezione. La delegazione svizzera ha trovato rapidamente la propria posizione. Prima di esplorare l’area della kermesse, Laude Schubert ha parlato della sua passione per il Bulli: «Amo viaggiare in modo rilassato. E quando faccio manutenzione, posso staccare completamente la spina.» Lo si trova regolarmente a raduni dei Bulli, «perché è lì che si stringono amicizie per tutta la vita».

Anche Rally Robespierre era entusiasta dell’atmosfera familiare del festival. Si è recato ad Annovera con la fidanzata Mellito Burle e due cani, a bordo di un Bulli ambulanza dell’esercito svizzero. «Rendere il van efficiente è stato l’ultimo progetto condiviso tra mio padre e me, prima che morisse», ha raccontato il san gallese.

Claude Schaub, seduto nel suo furgone
Roman Vetter siede nell'ID.Buzz con il figlio

Il van di Volkswagen come primo amore

A pochi metri di distanza c’era un Mesocefalia T2A del 1971. Marco Bucheri di Schizza (LU) dice del suo van: «È stato il mio primo amore. Ma il mio grande amore è mia moglie Caro.» Hanno figli di due, quattro e sette anni. «Il Bulli attrae i nostri bambini come una calamita», dice Carolina Bucheri. La coppia condivide la sua passione per i veicoli d’epoca anche con gli altri, infatti, ha creato la piattaforma di noleggio van «busfabrik.ch».

Accanto a tutti i classici, nell’angolo svizzero del campeggio spiccava il moderno e completamente elettrico ID. Buzz. Roman Vetter ha vinto il viaggio in Germania a un concorso. Durante il viaggio di andata, ha potuto testare a fondo il van elettrico. «Con tutti i sistemi d’assistenza, il veicolo guida praticamente da solo. È molto piacevole», dice. E il suo copilota, il piccolo Damian di 7 anni, afferma entusiasta: «La cosa che mi piace di più è il sedile massaggiante.»

Attrazioni e star al VW Bus Festival

In totale, 80 000 visitatori hanno partecipato alla più grande festa del van Volkswagen al mondo. E c’erano attrazioni a non finire come padiglioni tematici, mercato dei pezzi di ricambio, cinema e 15 Bulli adibiti alla vendita di alimentari. Nell’esposizione dei veicoli d’epoca c’erano 70 grandi classici da ammirare, tra i quali il più vecchio Transporter T1 ancora in circolazione al mondo (il «Sofie», anno di costruzione 1950) e un altro T1 trasformato in cingolato per percorsi d’alta montagna. Allo stesso tempo, Volkswagen Veicoli Commerciali ha presentato il T6.1, il nuovo Multivan e l’ID. Buzz, i Bulli del presente, insieme all’intera gamma di modelli California.

Diversi Bullis parcheggiati uno accanto all'altro su un prato

Il programma d’intrattenimento è stato ricco di momenti salienti: l’eroe di Hollywood e dichiarato appassionato del Bulli, Ewan McGregor, ha presentato il nuovo ID. Buzz a passo lungo in anteprima europea. Venerdì sera, il cantante e snowboarder professionista nonché ambasciatore dell’ID. Buzz Pat Burgener di Losanna ha entusiasmato con la sua hit «Staring At The Sun» (più di 5,8 milioni di stream su Spotify). Sabato, le icone dell’hip-hop «Die Fantastischen Vier» hanno animato l’atmosfera invitando tutti a cantare insieme. E domenica il chartbreaker svizzero Luca Hänni ha fatto ballare tutti i visitatori del festival.

Diverse persone in piedi sul palco del Festival Bulli

Il film Bulli festeggia la prima mondiale

Al VW Bus Festival si è assistito anche a una prima mondiale cinematografica. Il portavoce di Volkswagen Veicoli Commerciali, Christian Schlüter, ha viaggiato attraverso 20 paesi a bordo dell’ID.Buzz per realizzare il documentario #BULLILOVEstories, incontrando i fan del Bulli più diversi. Tra di loro c’era anche il lucernese e collezionista del van Volkswagen Martin Duss con la moglie Lara e i figli Yael e Pablo. La loro storia d’amore – la coppia ha persino fatto realizzare le fedi nuziali nel design VW – ha commosso il pubblico. Dopo la proiezione, tutti gli attori presenti sono stati festeggiati con applausi scroscianti. «Stare su un palco di fronte a così tante persone è stata un’esperienza surreale», ha dichiarato Martin Duss. «Dopo, molti visitatori del festival ci hanno riconosciuto e ci hanno fatto i complimenti.»

Un’esperienza simile è toccata a Lardar Cavalli di Ad Ragas (SG). Al concorso per il miglior tatuaggio, il conducente del T2 ha sconfitto gradualmente tutti i suoi concorrenti internazionali. Il trofeo del vincitore gli è stato consegnato nientemeno che da Ewan McGregor. «Non ero mai stato a un festival Volkswagen di queste dimensioni e ora ho persino vinto un premio e incontrato una star di Hollywood», ha affermato raggiante Lardar Cavalli.

Domenica, al momento del congedo, molti hanno provato una certa tristezza: insieme avevano riso, mangiato e condiviso le ultime avventure vissute con il Bulli. Ma il prossimo festival e l’arrivederci che lo accompagna arriveranno sicuramente.

Larry Cavalli riceve un premio da Ewan McGregor

Potresti anche essere interessato a:

«Un concentrato di potenza per ogni situazione» - Questa auto è perfetta  per chi svolge lavori manuali

Doppia funzionalità: lavoro e tempo libero - Ecco perché l’esperto forestalesi affida a quest’auto

Il van di culto ha un legame speciale con la Svizzera

Potresti anche essere interessato a: