Tecnologia

Un van Volkswagen «elettrizzante»

Tecnologia

Un van Volkswagen «elettrizzante»

11 marzo 2021

Il Transporter 6.1 diventa elettrico ed entra a far parte di una serie limitata firmata Abt e-Line. In occasione di un giro di prova nell’Algovia, l’e-Transporter ha conquistato tutti con le sue qualità, che lo rendono un veicolo commerciale a zero emissioni ideale soprattutto per corrieri o artigiani.

Testo Reto Neyerlin Foto Abt e-Line

Il nome Abt Sportsline è ben noto nel mondo delle corse e del tuning: da decenni, negli stabilimenti di Kempten, capoluogo dell’Algovia, prendono vita auto sportive da corsa. Meno conosciuta è invece la divisione specializzata nella mobilità elettrica Abt e-Line, che dal 2007 converte i veicoli commerciali di Volkswagen in veicoli elettrici disponibili in serie limitata. Di recente si sono aggiunti due nuovi modelli: l’e-Transporter 6.1 e l’e-Caravelle 6.1.

«Per l’e-Transporter ci siamo volutamente concentrati sulle esigenze dei subfornitori che operano nelle aree urbane, quindi corrieri, artigiani o panetterie», afferma Uwe Asbach, responsabile tecnico di Abt e-Line. Nella fase di sviluppo, l’obiettivo preposto era riuscire a percorrere almeno 100 chilometri anche in inverno con una sola carica: con un massimo di autonomia WLTP di 138 chilometri lo si è raggiunto pienamente. E con un carico utile massimo di 1096 chilogrammi è stato persino possibile ottenere la capacità di carico desiderata di una tonnellata.

Ora però fermiamoci qui con i dettagli tecnici e scopriamo com’è guidare il van elettrico di Volkswagen. Ci spostiamo nel cortile dello stabilimento automobilistico e prendiamo posto sul sedile del conducente; giriamo la chiave e ascoltiamo: nulla, come in tutte le auto elettriche. A mostrare che il veicolo è pronto a partire sono solo gli strumenti attivi con l’indicatore di carica e la modalità di guida. Spostiamo la leva per la selezione della direzione di marcia su D e premiamo con decisione sull’acceleratore: ecco che l’e-Transporter 6.1 si mette rapidamente in moto. Anche la velocità massima è stata adeguata al gruppo target, con un limite di 90 km/h, che su richiesta può essere aumentato a 120 km/h.