Diverse VW Bullis su una strada
Storie di auto

75 anni di Volkswagen in Svizzera: una carovana per festeggiare l’anniversario

Storie di auto

75 anni di Volkswagen in Svizzera: una carovana per festeggiare l’anniversario

14/07/2023

Per il 75° compleanno di Volkswagen in Svizzera, 75 Bulli e 75 Maggiolini hanno raggiunto il Museo Svizzero dei Trasporti di Lucerna, dove hanno fatto da cornice per la celebrazione dell’anniversario, con la musica di Pat Burgener a fare da apprezzatissima colonna sonora.

Testo Reto Neyerlin  Foto Christof René Schmidt

Sono in fila due a due, l’area di AMAG Schinznach-Bad (AG) è già piena ma continuano ad arrivare, alla spicciolata, altri van storici Volkswagen. Alla fine saranno 75 esemplari, tutti modelli della generazione T1 e T2, comunemente chiamati Bulli. Il più datato è stato costruito nel 1953, il più recente risale al 1967.

Diverse VW Bullis su una strada
Diversi Maggiolini VW attraversano un villaggio

L’occasione di questo straordinario raduno di rarità automobilistiche è la carovana organizzata per celebrare l’anniversario dell’inizio delle importazioni di Volkswagen in Svizzera. Il 29 aprile 1948 il fondatore di AMAG Walter Haefner firmò il contratto per la rappresentanza generale e già pochi giorni dopo i primi Maggiolini Volkswagen, sulle loro stesse ruote, varcarono il confine a Riehen nei pressi di Basilea. Come secondo modello, AMAG inizia a importare il van Volkswagen nel 1952. Da allora in poi, per decenni, i due modelli hanno contraddistinto le strade svizzere ed europee.

Una carovana verso il Museo dei Trasporti

E così, il 29 aprile 2023, esattamente 75 anni dopo la firma del contratto, poco dopo le otto e mezza, i 75 Bulli accendono i loro motori posteriori raffreddati ad aria. Il punto di arrivo della carovana è il Museo Svizzero dei Trasporti di Lucerna e oggi in particolare ha senso dire che il viaggio è la meta. L’itinerario si snoda prevalentemente su strade di campagna e secondarie in direzione del Lago dei Quattro Cantoni. I van procedono suddivisi in gruppi di dieci, ognuno guidato da un ID. Buzz completamente elettrico, considerato il successore moderno del Bulli non solo per i suoi elementi di design rétro.  

Ovunque passino i van, ci sono persone sorridenti sul ciglio della strada e grandi e piccini salutano felici i passeggeri. La pausa pranzo a Willisau (LU), il cui borgo medievale è oggi riservato esclusivamente alle Volkswagen storiche, si trasforma addirittura in una festa popolare. Centinaia di spettatori passeggiano tra le auto d’epoca restaurate con cura, scattano foto e discutono animatamente con i proprietari. La frase più ricorrente? «Una volta ne avevo uno anch’io...»

Immagine di alcuni VW Bullis in un villaggio
Pat Burgener sul sedile del passeggero di un furgone

Festa popolare con Bulli e Maggiolini

A Willisau i Bulli incontrano i 75 Maggiolini, che, partiti da Aarberg (BE), costituiscono la seconda parte della carovana dell’anniversario. E qui anche Pat Burgener si unisce al convoglio mobile. Di solito lo snowboarder e musicista, in qualità di ambasciatore di Volkswagen Veicoli Commerciali, guida l’ID. Buzz. Oggi però non si lascia sfuggire l’occasione di percorrere il secondo tratto fino a Lucerna come passeggero a bordo di un Bulli, perché «ho sempre sognato di avere un vecchio van Volkswagen».

Al Museo Svizzero dei Trasporti, i van e i Maggiolini attraversano l’ingresso principale ed entrano direttamente nel cortile interno, dove i 150 veicoli si allineano uno accanto all’altro, creando la cornice perfetta per la festa di celebrazione dell’anniversario. Appena tutti hanno trovato un posto, Nik Hartmann sale sul palco. Il presentatore televisivo è un «figlio della Volkswagen», come sottolinea lui stesso. La sua prima auto è stata una Golf GTI e al momento guida un Multivan 6.1. Con il T1 Samba rosso e bianco del 1965, presentato nell’esposizione dell’anniversario (vedi riquadro), ha un legame molto speciale: proprio quel Bulli per tre stagioni ha accompagnato la trasmissione «SRF bi de Lüt – Live» da lui condotta. «All’epoca mi mettevo spesso anch’io al volante», racconta.

Un VW Bulli attraversa l'ingresso del Museo Svizzero dei Trasporti
Diverse VW Bullis circolano su una strada

Compagno affidabile per famiglie e artigiani

Nel suo discorso Manuel Marchev, Head of Marketing di Volkswagen Veicoli Commerciali, sottolinea l’estrema versatilità del van Volkswagen. «Si è presto trasformato nell’auto dei sogni per le famiglie amanti dell’avventura, ma soprattutto a partire dal 1952 è diventato il compagno affidabile di molti artigiani svizzeri». Ancora oggi continua a stupire grazie alla sua ampia gamma di modelli, dal Transporter 6.1 al California 6.1 passando per il Multivan, fino all’ID. Buzz.

Uno dei momenti clou della festa d’anniversario è l’esibizione di Pat Burgener. Giusto in tempo per l’inizio del concerto, le prime gocce cadono dal cielo. L’esperto intrattenitore non si lascia però scoraggiare e attira il pubblico davanti al palco con il suo allegro sound da surfista. Quando il sole torna a splendere sulle note di «California Sun», tutti ballano e cantano entusiasti.

Per concludere, una giuria di esperti, composta dai due co-organizzatori Claude Schaub e Urs Weibel, elegge i Bulli e i Maggiolini più belli della carovana. La scelta non è facile per loro, perché vedendo quanto tempo, cuore e anima i proprietari hanno messo nei loro tesori su ruote, una cosa è chiara: di fatto tutti i partecipanti si meriterebbero un premio.

Pat Burgener sul palco del Museo Svizzero dei Trasporti
La mostra sull'anniversario della VW al Museo Svizzero dei Trasporti
Esposizione dell’anniversario per i 75 anni di Volkswagen Svizzera

Il Museo Svizzero dei Trasporti presenta in un’esposizione speciale i modelli Volkswagen più importanti e speciali dal 1948 a oggi. L’esposizione permanente si estende su tutto il primo piano del padiglione «Traffico stradale» (Strassenverkehr). Nello spazio espositivo e nel Teatro dell’auto sono esposte diverse rarità Volkswagen in quattro blocchi espositivi:

dal 1° maggio al 31 luglio 2023: «motori raffreddati ad aria»

dal 1° agosto al 31 ottobre 2023: «motori raffreddati ad acqua»

dal 1° novembre 2023 al 31 gennaio 2024: «Volkswagen Veicoli Commerciali»

dal 1° febbraio al 30 aprile 2024: «Gamechanger»

La visita a entrambe le sezioni dell’esposizione celebrativa è inclusa nel biglietto di ingresso al Museo dei Trasporti e vi si può accedere in qualsiasi momento durante i normali orari di apertura del museo.

Ulteriori informazioni sul sito www.verkehrshaus.ch/itOpens an external link

Potresti anche essere interessato a:

Il Multivan eHybrid come auto della polizia – Di pattuglia

Il Multivan alla prova pratica – È arrivato il nuovo amico  di famiglia

Maestro dell’aerografo

Potresti anche essere interessato a: